fbpx

Anna from Italy

Read in Italian

My name is Anna, I am Italian, and when I was 22 years old, I was diagnosed with skin cancer. To stop the cancer doctors had to remove lymph nodes in the groin which caused lymphedema in my right leg.

Initially I suffered the most from feeling alone, as this condition is not well known even by the medical profession. I did not know anybody with lymphoedema that I could share, compare and give me advice and provide solutions even on small daily challenges. In some periods I felt depressed. Especially when I saw people’s eyes on my swollen leg with my stocking and helplessly seeing my leg swell more and more.

Over the years, however, these difficulties and sufferings have strengthened me by being able to accept and live with this condition even if I also experience difficult moments. So (after 8 years of loneliness) I decided it was time to try to help others. To become the kind of reference that I would have wanted to meet at the beginning of my journey. Somebody in which I could compare and get comfort. But also, sometimes even joking about it all and have fun with.

I created an Instagram profile called “stile_compresso” with the hope of connecting with many patients but at the same time with the aim of raising awareness of this little-known condition and how to manage it. I had the aim to transmit an incisive message and to make it clear that we must never believe that these situations will happen only to others. Unfortunately, life is unpredictable, and it is important to be able to accept, help and not discriminate the differences in people. I give advice on combinations for trendy clothing despite swollen limbs, what shoes to wear, how to hide surgical scars when at the beach, opinions on compression hosiery, healthy nutrition, routines and therapies, which exercise types are beneficial for the drainage of the lymph. However, I also share difficult moments of my life with lymphoedema. All what is my daily life.

In a short time, I was contacted by many people from all over the world (fantastic!). They wanted to share both publicly and privately their own story with me. They told me they could reflect in what I described and thanked me for sharing and inspiring them to have courage in showing themselves. Thus, giving hope that we can live a life with a smile despite everything.

Xpandasox Global Distributors

Mi chiamo Anna sono Italiana e all’età di 22 anni mi è stato diagnosticato un cancro della pelle. Per fermarlo i dottori mi hanno dovuto togliere i linfonodi all’inguine con la conseguenza che si è sviluppato un linfedema nella mia gamba destra.

La condizione che più ho sofferto inizialmente è stata quella di sentirmi sola, non capita profondamente (a volte anche da alcuni medici, perchè purtoppo, ad oggi il linfedema è una malattia poco conosciuta e riconosciuta) senza conoscere nessuno con il mio problema con cui potermi confrontare e che potesse essermi realmente di supporto dandomi consigli e soluzioni anche nelle piccole sfide quotidiane. In alcuni periodi mi sono sentita depressa, specialmente nel vedere gli sguardi della gente punta ti sulla mia gamba gonfia con la calza ed impotente vedendo la mia gamba gonfiarsi sempre di più.

Negli anni però, queste difficoltà e sofferenze mi hanno fortificata riuscendo ad accettare e convivere con questa condizione anche se i momenti difficili res tano anche per me. Quindi (dopo 8 anni di solitudine) ho deciso che era arrivato il momento di provare ad aiutare gli altri cercando di diventare il riferimento che avrei voluto incontrare all’inizio del mio percorso con la quale confrontarsi e confortarsi e a volte anche ironizzare e scherzare un po’ al riguardo.

Ho aperto tramite il social instagram un profilo dal nome: “stile – compresso” con la speranza di conoscere tanti pazienti ma nello stesso tempo con l’obbiettivo di creare consapevolezza e far conos cere questa condizione e la sua costante gestione. Con la speranza di trasmettere un messaggio incisivo per far capire che non bisogna mai credere che queste situazioni capiteranno solo agli altri perchè purtroppo la vita è imprevedibile ed è importante sa per accettare, aiutare e non discriminare le diversità nelle persone. Consigli sugli abbinamenti migliori per un vestiario alla moda nonostante gli arti gonfi, quali scarpe scegliere, come nascondere al meglio le cicatrici quando siamo al mare, pareri sull e calze compressive, l’alimentazione sana, routine e terapie che seguo per cercare di curare al meglio la mia gamba, quali sport è bene praticare per favorire il drenaggio della linfa e anche la condivisione dei momenti difficili sono gli argomenti che rac conto postando le foto del mio quotidiano.

In poco tempo sono stata contattata da tantissime persone da ogni parte del mondo (fantastico!) che sia pubblicamente che privatamente mi raccontano la loro storia dicendo di rispecchiarsi in quello che descrivo e mi ringraziano per condividere ed ispirare ad avere coraggio nel mostrarsi dando la speranza che si possa vivere una vita con il sorriso nonostante tutto.